Giordano Bisigato tecnicacraniosacrale-upledger

Facilitare

Il Dott. John E. Upledger pur facendo il medico, il chirurgo, l’osteopatia, l’agopuntore, si definiva Facilitatore Cranio Sacrale (Metodo Upledger, appunto).Perché?

Guarire significa anche vedere la malattia sotto un altro unto di vista. E' un segnale del corpo per andare in direzioni diverse.

E poi perché la pratica che ha creato, dopo anni di studio, ricerca e verifica delle sue intuizioni, l’ha chiamata Terapia e Tecnica Cranio-Sacrale?

Per quale motivo un medico crea una metodica che definisce di auto-guarigione, che facilita i meccanismi auto-correttivi dell’organismo? Che ruolo ha in tutto questo l’essere un medico?

Non ho mai conosciuto, personalmente, il Dott. Upledger (ma ovunque esso sia e in qualunque forma, conosce la mia profonda gratitudine verso di lui e verso l’immenso patrimonio che ha lasciato).

Ciò di cui sono certo è che si definiva Facilitatore perchè, essendo medico, aveva compreso che la pratica medica è focalizzata sulla malattia. 

Il Facilitatore è focalizzato sulla guarigione.

Si chiama appunto Facilitatore perchè, con il contatto fisico attraverso le proprie mani, facilita, agevola, aiuta e spalleggia ciò che il cliente sente di poter fare, per se stesso, in quel momento.

Il Facilitatore, generalmente, ha una salda convinzione: che la malattia non esiste. 

Esistono infiniti modi che gli esseri umani hanno per “guarire”, anche attraverso condizioni particolari che la medicina ha identificato come “malattia”. 

Credo che questa sia stata la convinzione che ha dato modo al Dott. Upledger di definirsi Facilitatore Cranio-Sacrale.